La verifica di compatibilità paesaggistica è una procedura prevista ai sensi dell’articolo 146 comma 5 del Codice dei beni culturali e del paesaggio (DLgs. 42/2004 e ss.mm.ii.) e regolamentata dal DPCM 12 Dicembre 2005 per quanto attiene i contenuti della “Relazione paesaggistica”, assunta come base di riferimento essenziale per le suddette valutazioni.

Intervenire all’interno del contesto, e non sul contesto, è in estrema sintesi la finalità precipua della verifica di compatibilità paesaggistica, la quale presenta quindi caratteri di specificità che la distinguono da altre similari analisi, prima tra tutte quella condotta negli Studi di impatto ambientale con riferimento alla componente Paesaggio.

Al fine comprendere i caratteri del contesto oggetto di intervento e l’entità delle modificazioni a questo apportate, IRIDE ha sviluppato un proprio protocollo operativo, fondato sulla base dell’Allegato al DPCM 12 Dicembre 2005 ed implementato mediante il confronto con le Soprintendenze nel corso dei diversi incarichi professionali svolti, i cui punti di forza risiedono nella completezza del quadro delle metodiche di analisi paesaggistica, ciascuna delle quali rispondente alle diverse specificità di contesto, e nel realismo delle fotosimulazioni.

Could not open a directory stream for D:\siti\istituto-iride.com\istituto-iride.com\images/studi paesaggistici\